Before adventuring into the depths of serial experiments lain with a series of meta analyses, and after a long hiatus (for personal reasons I had to take a break from many projects I was working on) I thought it would be a good idea to write a stand alone article- an introduction, if you will, completely spoiler free, dedicated to a work that become such an important part of my life.
I really wanted to do something productive for my blogs (I announced I had to slow down, that I’d be writing only once in a while, but I did not expect that MONTHS would have passed before I’d publish anything) and this is a good chance to start, especially since I recentely started to play serial experiments lain Playstation’s videogame, that I find extremely fascinating and makes me feel like I’m experiencing Lain’s story for the first time.
One day I’ll write something about it, too, but for now, let’s focus on the anime series.

In 1998, between the beginning of July and the end of September, serial experiments lain, a controversial sci-fi anime, was broadcast in Japan. Directed by Ryūtarō Nakamura, written by Chiaki J. Konaka, with Yoshitoshi Abe’s character design, and produced by Triangle Staff, this work is a brave attempt to talk about various important and complex themes, like communication, identity and reality; to do so, for its writing they relied on cyberpunk, computing history, conspiracy theories and philosophy. In only thirteen episodes twenty minutes long, the story of Lain Iwakura, the young protagonist, will untangle in a complex journey set in a modern world featuring disquieting, alternative and futuristic technologies that now, twenty years later, are already part of our reality.

Plot:  On a night like any other, loud and full of flashing lights, in a city that transforms once the night falls, a young girl decides, with resigned happiness, to kill herself by jumping from the last floor of a building, this way shaking up, even if only for a brief moment, the lives of the bystanders.
We are in Tokyo and the news of a strange e-mail sent by the dead girl spreads quickly in the Junior High School Lain Iwakura attends to. Lain is not up to date with the state of the events, tho: she never turns on her NAVI (highly advanced personal computers that allows a large connection to the Wired, an alternative version of internet) and claims she does not understand technology. Urged by her classmates she decides to check her email box and finds a message that should not exist since it was sent, in real time, by a girl who should be dead.
Lain’s daily life was grey, monotonous and empty. Every day was the same and full of noises. This extraordinary discovery seems to give her something to hold on to. Determined to find out what’s happening, more for herself than for the sake of something greater that she is not able to perceive, she asks her father a new NAVI. This is, for Lain, only the beginning of a tortuos journey searching for an answer to the greatest question of them all: Who is Lain Iwakura?

Published in Italy by Dynamic Italia and Dynit in the beggining of the 2000s, in 4 VHS and 4 DVDs, with an excellent localization, this work challenges its audience since the first episode.
We are thrown in a modern world full of lights and noises, the loudest being the buzzing of the electic poles we see everywhere; their dark and intricate silhouette is always in the background.
Lain Iwakura is immediately introduced to us as a normal fourteen years old girl who goes to school. We observe her while she performs the actions that probably characterize every day of her life: she leaves the house, walks the street until she reaches the metro, she gets to school and once in class she sits at her desk, positioned at the centre in the front line.
She does not talk to anyone and her face never changes expression. She only seems very annoyed by the electric poles’ buzzing and by people’s whispering: a noisy world she is almost completely dissociated from.
The first episode is totally focused on her dissociation, actually: the world seems to change around her while she walks or goes from a place to another, starting to seem unreal (derealization: when what is around us seems like it belong to a dream or feels unreal).
When she’s in class she cannot concentrate on what her teacher is saying, her sight loses focus and her body becomes like an object separated from her being (depersonalization: when a person cannot recognize themselves in the mirror, feels disconnected or detached from one’s self, feels as if they are an outside observer of their own thoughts or body, not perceiving properly their body or body parts).
This first episode for almost all of its lenght will appear like is set in a dream; the line between what is reality and what is not often fades. This is Lain’s reality, what she experiences everyday, an existence disconnected from the world.
We are in Japan, in a time when wasn’t  given space to express one own’s identity and it was necessary to omologate to go on, hoping to find a way out in the night life or in the web.
But this heavy atmosphere is made worse than it actually was in that period. Lain lives in a vacuum and this is also conveyed to us by the scenery and the backgrounds, deliberately laid out using colors with a strong contrast between light and dark shades, as if the whole story was experienced in a virtual reality, a hologram of something that no one is allowed to experiment.

And this was only the first episode.
If you survived this, then I recommend you to watch the series until the end.
If, on the contrary, you struggled to finish it or you stopped watching it before reaching the credit rolls, you have two options: give up, it’s not for you and I’m not being mean, it’s really not for everyone, sometimes I feel like I cannot even define it an anime; or just wait a bit, let some time pass, and restart from scratch when you feel ready.

serial experiments lain is a pessimistic story where the protagonist is an antiheroine who acts only for her own self interest. Going through computing history, conspiracy theories, a strange concept of religion, psychology and philosophy, we’ll follow the footsteps left by Philip K. Dick, especially with his novels “Ubik” and “The Three Stigmata of Palmer Eldricht”, where detachment from reality, identity issues and Hypereality are the main themes.
The peculiar soundtrack, hypnotic at times, will complete our immersion in this abyss full of humanity.
And, twenty years later, we can see how many of the features in sel’s setting such as the technologies it presented, as well as its core themes, became reality thanks to social networks, total connection and informations that run very quiclky into our brains.
As it already happened, many years prior, with the works of the great Philip K. Dick.

 

[Shiki Ryougi & Idreim]

Annunci

Da tempo volevo parlarvi di Philip K. Dick e dei suoi romanzi, che da un po’ mi stanno appassionando, e finalmente ho trovato l’occasione giusta con l’ispirazione adatta. Sì, perché anche nello scrivere determinati articoli è necessario il giusto mood.

Recentemente ho finito di leggere “Divina invasione”, pubblicato in America nel 1981 (mentre da noi cinque anni dopo), il secondo romanzo della “Trilogia di Valis”.
Io ho la collection che riunisce tutti e tre i romanzi:

  • Valis
  • Divina invasione
  • Trasmigrazione di Timothy Archer

Più in là leggerò anche l’ultimo romanzo.
Oggi siamo qui per discutere del secondo, “Divina invasione”.

Trama:
Sulla Terra assistiamo al primo giorno di scuola di un orfano di nome Manny Asher, accompagnato dallo zio Elias Tate. Il bambino è il figlio di Rybys Romney, una donna che viveva nelle colonie sul lontano pianeta CY30-CY30B; non ha mai conosciuto né lei né il padre Herb Asher, in quanto i due vennero coinvolti in un incidente che uccise Rybys e lasciò Herb in uno stato di morte sospesa.
Manny, nato da una madre clinicamente morta, ha subito qualche leggero danno cerebrale.
A scuola incontra Zina, una bambina che sembra sapere troppe cose su di lui, che lo aiuterà a ricordare cose importanti che lui ha dimenticato.
Nel frattempo Herb, congelato nel suo sonno simile alla morte, rivive le vicende dell’incontro con Rybys, ma una serie di particolari eventi lo faranno dubitare della realtà di ciò che sta vivendo.

Tra i due romanzi della Trilogia che ho letto, “Divina invasione” è quello palesemente fantascientifico che fa uso del più classico e abusato espediente di trama tipico delle storie di questo genere: l’invasione della Terra.
Siamo in presenza della storia del Secondo Avvento in chiave ironica e fantascientifica. Il romanzo, comunque non troppo lungo, è intricato, ricco di personaggi iconici e con un significato ben preciso, con la sua buona dose di colpi di scena, che ovviamente non vi rovinerò.

L’autore nello stendere la sua storia non accinge solo dalla tradizione cristiana, ma soprattutto da quella ebraica, da cui viene presa principalmente l’idea della scissione originaria di Dio.
Siamo davanti a una delle più strane storie di invasione della terra mai scritte, sotto forma di una romanzo altamente citazionista con l’obbiettivo di cercare di cogliere il senso del male che affligge il mondo e l’uomo, inteso come universo, in una vicenda fatta di universi paralleli.

Parlando personalmente, ho trovato questo secondo romanzo più piacevole e scorrevole del primo (Valis) anche se molto più semplice e “palese” nel ciò che vuole lasciarci. Le idee sul divino, la vita dell’uomo e come essa sia vincolata a una forza superiore che deve essere necessariamente maligna e irrazionale, perché se al contrario fosse razionale non si spiegherebbe la presenza del male nel mondo, fanno parte del bagaglio che Dick ci ha lasciato e che in primo luogo affliggeva lui stesso.
Se non avete mai letto niente di questo autore, potete benissimo partire anche da questa collection, perché racchiude pienamente il suo pensiero.
Ma le sue sono opere particolari, che hanno fatto la storia della fantascienza e di film sul filone di Blade Runner. Non prendeteli alla leggera.

photo-2019-04-10-09-14-48

[Shiki Ryougi 両儀 式]

Noto con un po’ di dispiacere che tendo a parlare poco di film d’azione nel blog. E’ un genere che mi piace molto e che è incredibilmente difficile da fare e gestire. Ultimamente poi vedo che molti film d’azione vengono girati proprio male, con clichè vecchi d’anni, montaggio confuso e personaggi piatti e banali (e sono parecchie le pellicole che rispettano queste regole).
Fortunatamente in quest’articolo ho intenzione di parlare di un film molto curato nel lato tecnico e che alla fine si è rivelato molto più intelligente di quanto mi aspettassi.
Ecco a voi Free Fire, pellicola del 2016 diretta da Ben Wheatley.

MV5-BM2-Fi-MDI4-ZDEt-NDc1-Ni00-ZWUz-LTlh-ZTUt-ZWE5-Nz-Q5-OTUz-Mm-Rk-Xk-Ey-Xk-Fqc-Gde-QXVy-MTk1-MDM0-OTc-V1-SY1000-CR0-0-1333-1000-AL

Trama:
Siamo a Boston nel 1978 e due gruppi di trafficanti d’armi si incontrano per uno scambio. Il primo gruppo, capeggiato da Chris e Frank, vuole delle armi e ha pronta una valigietta piena di soldi da dare alla squadra di Vernon. I loro tramiti sono Justine e Ord che devono controllare che l’affare vada a buon fine. L’incontro inizia male quando si scopre che le armi non sono quelle promesse e, come dice la legge di Murphy, se qualcosa può andare male, andrà male. Infatti due membri dei gruppi hanno un conto in sospeso e, dopo un’accesa discussione, causano una sparatoria. Come se non bastasse nel magazzino in cui è avvenuto l’incontro ci sono due cecchini che stanno causando ancor più scompiglio.

Come ho detto all’inizio, Free Fire andando avanti si dimostra sempre più intelligente specialmente nella caratterizzazione dei personaggi. Tutti sono riconoscibili, hanno delle personalità ben distinte e difficilmente ci si dimentica di loro.
Nei primi 20 minuti facciamo la loro conoscenza e subito, attraverso il loro modo di fare e le loro parole, capiamo che tipo di persone sono. Per fare alcuni esempi, Chris (interpretato da Cillian Murphy) è una persona attenta che non si fida di nessuno e nel suo gruppo è quello più responsabile; poi abbiamo Ord (Armie Hammer) che invece si crede superiore agli altri, ha un suo fascino, sa convincere le persone, si dimostra affabile e ha ottime conoscenze delle armi da fuoco; per finire gli esempi ecco Vernon (il grande Sharlto Copley), un personaggio stupendo che si crede un genio, affascinante e amichevole quando invece è un codardo, impulsivo e deve sempre far affidamento sugli altri.

Free-Fire-recensione

Questi sono solo alcuni dei tantissimi personaggi presenti, ma tutti quanti avranno il loro spazio, anche personaggi stupidi o che di solito sono i primi a morire. Tra l’altro più si andrà avanti con la sparatoria più vedremo alcune di queste persone mostrare lati che neanche loro pensavano di avere. Alcuni rimarranno fedeli al proprio personaggio mentre altri avranno una sorta di crescita , come accade al nostro Vernon. C’è anche chi invece fino alla fine rimarrà un’incognita tipo la misteriosa Christine (Brie Larson) che sembra la più normale tra tutti quanti.

La cosa che comunque mi ha sorpreso è il modo in cui tutto il film è gestito a livello di azione. La pellicola dura un’ora e venti e solo nei primi 20 minuti vediamo i personaggi parlare di affari, mentre nell’ora restante c’è l’intera sparatoria. Fare sequenze d’azione del genere così lunghe è una scelta rischiosa e molto difficile ed è ancor peggio se il tutto è ambientato in un’unica location. Infatti tutta l’azione si svolgerà esclusivamente nel magazzino abbandonato. Ed è qui che regia e montaggio devono essere rese al meglio. Quando inizierà la sparatoria ovviamente tutti tutti quanti cercheranno un rifugio e nella fretta finiranno lontani gli uni dagli altri e dovranno cercare di avvicinarsiai propri alleati, trovare una postazione migliore e provare a far fuori i loro rivali.
Quindi avremo diversi momenti d’azione in cui alcuni cercheranno di raggiungere un determinato luogo o di recuperare oggetti a loro utili o di valore (come ad esempio la valigetta con il denaro).
Ovviamente ci saranno anche momenti di pausa in cui i vari gruppi si organizzeranno per la loro prossima mossa o anche solo per ricaricare le armi o vedere come stanno i propri compagni.
Ci saranno diverse fasi in questi scontri armati e riusciranno sempre a intrattenere e divertire fino agli ultimi minuti dove tutti daranno il tutto per tutto.

FF194

Una cosa divertente che riguarda i personaggi è che sono incredibilmente resistenti. Vengono colpiti dappertutto: spalle, braccia, gambe eppure continuano a muoversi e a combattere; certo, un po’ a pezzi e doloranti, eppure continuano.
Per di più è incredibile vedere come in molti casi lo scontro cambi sempre tono. In alcuni casi riesce a tenerti in tensione con sparatorie emozionanti e montate benissimo, in altre certe scene d’azione sono comiche e in certi casi pure grottesche. Esatto, abbiamo una scena grottesca, fuori di testa che mi ha colpito e che ha sicuramente lasciato sorpresi anche i vari protagonisti della pellicola.

Free Fire è un ottimo film d’azione che si può definire come un vero e proprio gangster movie. Ha una scrittura molto più intelligente e curata di quanto mi aspettassi un regia e un montaggio che danno il meglio di se nelle scena d’azione e ha anche una buona fotografia.
Il punto di forza maggiore sono proprio i personaggi molto caratterizzati e pieni di carisma che vi faranno affezionare a loro.

Insomma un film che riesce a intrattenere e a divertire e che vi farà passare degli ottimo 80 minuti. Tra l’altro adoro il finale ma è meglio se la finisco qui.

Free-Fire-2-620x280

Grazie mille per aver letto l’articolo. Alla prossima!

 [The Butcher]